Effetto ROPO: strategie web-to-store - Xtribe blog
Hai un negozio o un’attività professionale? Scopri le soluzioni dedicate ai commercianti e ai professionisti di settore aprendo il tuo profilo Xtribe Store.
xtribe, geomarketplace, ratail marketing, vendere, comprare, barattare, noleggiare
16255
post-template-default,single,single-post,postid-16255,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 

Effetto ROPO: strategie web-to-store

Come detto nei precedenti articoli, il ROPO consiste in una tendenza del consumatore a ricercare online le informazioni sui prodotti per poi concludere l’acquisto in negozio. 

Dopo aver approfondito le cause di questa tendenza, scopriamo come ottimizzare i nostri canali digitali (che siano le pagine social o il nostro profilo su Xtribe), strumenti imprescindibili per un approccio trasversale al Customer Journey. 

Ottimizzare i canali digitali

La prima cosa da fare è concentrarci sull’offrire al cliente un’esperienza virtuale soddisfacente nella quale riesca a reperire le informazioni che desidera prima di decidere se acquistare o meno il nostro prodotto. 

Per ottimizzare l’esperienza di ricerca online è fondamentale dotare il proprio sito o il proprio profilo Xtribe di tutti gli strumenti per una navigazione semplice, intuitiva ed esauriente. 

Di seguito alcune fondamentali azioni web-to-store da implementare per sfruttare l’effetto ROPO e generare traffico nei punti vendita. 

1. Filtri

I filtri sono il primo strumento che ogni sito o marketplace dovrebbe mettere a disposizione dell’utente per rendere la navigazione e l’esperienza d’acquisto più piacevole.

In questo modo, l’utente, senza dover scorrere un’infinità di modelli per scoprire se la taglia che sta cercando è ancora disponibile, può inserire i suoi criteri di ricerca ed ottenere rapidamente i risultati a cui è interessato.

2. Foto e video dei prodotti

Uno dei principali problemi dell’online è che viene meno l’esperienza sensoriale dei prodotti: non è possibile toccarli con mano. 

Questo ovviamente penalizza alcuni settori merceologici più di altri ma è possibile rimediare inserendo foto e video dei nostri prodotti per avvicinarci quanto più possibile all’esperienza della realtà fisica. 

Facciamo vedere chiaramente al cliente cosa gli proponiamo tramite foto esplicative ed esaurienti e, ancora meglio, video in cui mostriamo il prodotto a 360°, magari indossato se si tratta di abbigliamento o calzature, oppure semplicemente in 3 dimensioni così che siano più chiari i dettagli, i colori, le dimensioni ecc. 

Xtribe permette a tutti gli utenti di inserire le foto dei prodotti in vendita, per i Profili Store (dedicati a negozianti e professionisti) è possibile inserire anche i video degli articoli oltre, ovviamente, ad un’esauriente descrizione testuale all’interno della sezione “descrizione prodotto”. 

3. Schede prodotto 

Molti utenti non si fidano delle descrizioni online: le trovano spesso inattendibili, poco informative e non accurate. 

É importante descrivere in modo preciso e puntuale ciò che stiamo vendendo: indicare vestibilità, taglia, colore esatto, dimensioni. Quando il cliente si presenterà in negozio avrà già un’idea precisa di ciò che è venuto a comprare e si eviteranno così brutte sorprese!

4. Recensioni 

Che i feedback degli utenti siano fondamentali lo abbiamo ribadito già più volte, quindi cerchiamo di ottenerne il più possibile.

Come? In vari modi, ma soprattutto in quello più semplice: alcuni studi dimostrano infatti che il 70% delle persone lascerebbe una recensione se solo gli si domandasse di farlo. 

Come si dice… basta chiedere! Quando? Prima che il cliente esca dal negozio, possiamo dargli una card con una chiara Call To Action a lasciare una recensione.  Oppure possiamo mandare ai nostri clienti una mail ringraziandoli e incoraggiandoli a dire la loro sull’esperienza di acquisto appena conclusa.

Xtribe offre a tutti i suoi iscritti uno spazio per i feedback dei clienti e la possibilità di inserire i propri contatti mail, il link alle pagine Social e al sito.

5. Chat – offrire esperienza personalizzata

Per invogliare il cliente a venire in negozio, c’è bisogno di fargli sentire la nostra presenza fisica dietro allo schermo. 

Sfruttiamo, per esempio, la chat istantanea che Xtribe mette a disposizione dei suoi iscritti per comunicare Real Time con i potenziali clienti in cerca di consigli e di informazioni. 

6. Indicazioni sullo store

Per agevolare il cliente e permettergli di trovarci con facilità, è essenziale specificare i nostri orari di apertura e chiusura aggiornati, rendere disponibile una mappa con le indicazioni su come raggiungere il nostro punto vendita ed eventualmente le informazioni sul parcheggio.

Xtribe offre servizio di geolocalizzazione per permettere al negozio o al professionista di essere raggiunto più facilmente da utenti interessati ai suoi prodotti e/o servizi.

Conclusioni

I consumatori, oggi, si aspettano un’esperienza di acquisto con facile alternanza tra on e offline. 

Esistono molti modi in cui rendere complementari questi due tipi di esperienza d’acquisto e il segreto sta nel cercare una sinergia tra digitale e fisico, riconoscendo l’online come un alleato del nostro store fisico anziché considerarlo un avversario da combattere!

 

Fonti

https://www.ccv.eu/ch-it/2020/perche-i-consumatori-giovani-amano-fare-acquisti-nei-negozi-in-un-mondo-omnicanale/ 

https://www.accenture.com/gb-en/insights/retail/coronavirus-consumer-habits 

https://www.appvizer.it/rivista/servizio-clienti/ropo 

https://www.ionos.it/digitalguide/online-marketing/vendere-online/che-cose-leffetto-ropo/ 

No Comments

Post A Comment