L’evoluzione del Marketing Mix - Xtribe blog
Hai un negozio o un’attività professionale? Scopri le soluzioni dedicate ai commercianti e ai professionisti di settore aprendo il tuo profilo Xtribe Store.
xtribe, geomarketplace, ratail marketing, vendere, comprare, barattare, noleggiare
16020
post-template-default,single,single-post,postid-16020,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 
Evoluzione Marketing Mix

L’evoluzione del Marketing Mix

Abbiamo già visto l’importanza del marketing mix per la definizione della nostra strategia di mercato, ma dobbiamo considerare che come qualsiasi altro settore, il mercato si evolve e si trasforma.

Infatti, con il continuo evolversi del mercato e della tecnologia, delle tradizionali 4P, che già abbiamo visto, il marketing mix ha acquisito altre 3P: persone, processo e prova tangibile, di cui dobbiamo evidenziare la crescente importanza del fattore umano non solo nel rapporto con il cliente, ma nel più ampio processo di gestione aziendale.

Con questa evoluzione iniziamo a parlare di un nuovo modello di marketing mix con 7P.

Ma non finisce qui, con il nuovo approccio proposto dell’orientamento al cliente dobbiamo anche aggiungere 4C del consumatore: consumatore, costo, comunicazione e convenienze. Diamo quindi un’occhiata a questi nuovi elementi del marketing mix: le 3P e le 4C.

Le nuove 3P del marketing mix.

Come abbiamo già detto, alle 4P –prodotto, prezzo, luogo, promozione– dobbiamo aggiungerne altri tre:

Persone (People)

Con il fattore “persone” si vogliono indicare tutte le persone appartenenti ad uno stesso target o che possano appartenere ad uno strettamente correlato.

La quinta P è essenziale, poiché senza le persone, tutte le altre P non completeranno una formula di marketing di successo. Dobbiamo così sviluppare l’abitudine di pensare in termini di persone dentro e fuori dalla nostra attività. Questa P, è importante e utile per gestire la comunicazione a 360 gradi con la clientela e la potenziale clientela. Con azioni mirate –es: remarketing, lead nurturing–, si possono comprendere e approfondire le caratteristiche del target dei clienti in modo da poter migliorare il prodotto, il prezzo e la strategia di marketing in generale.

Processo (Process)

La sesta P si riferisce a tutti i processi che riguardano la fornitura di un prodotto, o la fruizione di un servizio da parte del cliente. Infatti, la consegna del servizio viene di solito effettuata con il cliente presente, quindi il modo in cui il servizio viene erogato fa ancora una volta parte di ciò che il consumatore sta pagando.

L’organizzazione ha una forte influenza sul servizio offerto, ottimizzare i processi è ciò che consente di offrire servizi di qualità e minimizzare le spese. Avere un sistema produttivo efficiente e funzionale aiuta sia il consumatore a percepire subito l’efficienza aziendale, sia l’azienda a lavorare in maniera organizzata e produttiva

Prova tangibile (Physical Evidence)

Quasi tutti i servizi includono alcuni elementi fisici anche se la maggior parte di ciò che il consumatore sta pagando è immateriale. Questa P è la dimostrazione pratica del nostro prodotto, del nostro servizio. Ad esempio, sul web, le persone cercano prove, testimonianze e recensioni prima di acquistare un prodotto, affidandosi a testimonianze di altre persone che raccontino esperienze già avute.

Ora passiamo alle 4C.

Questo modello è più orientato al consumatore e è composto da quattro variabili chiave: consumatore, costo, comunicazione e convenienza.

Le 4P e le 4C possono essere prese come due facce della stessa moneta, una delle quali è la prospettiva di un acquirente e l’altra, quella di un venditore. Ma considerare il marketing mix da una prospettiva 4C riflette un cambiamento nella mentalità per incoraggiare gli esperti di marketing e i dirigenti a visualizzare l’intero processo e la catena del valore dal punto di vista del cliente. Diamo un’occhiata a ciascuna di queste variabili.

Consumatore (Customer) 

Qui l’obiettivo è quello di vendere solo ciò che il cliente desidera acquistare. Ciò significa che diventa un’attività assolutamente vitale per il marketing che deve studiare in profondità questi desideri e bisogni dei consumatori. Solo questa comprensione dettagliata consentirà a un’azienda di vendere con precisione ciò che il cliente acquisterà.

Costo (Cost)

All’interno del costo totale per soddisfare un’esigenza del cliente, il prezzo diventa uno dei tanti fattori. Infatti, il prezzo non è l’unico costo sostenuto per l’acquisto di un prodotto. Altri fattori possono includere il costo del tempo per acquisire il prodotto, il costo della coscienza quando si tratta di consumare il prodotto, il costo totale di proprietà, il costo per passare a un nuovo prodotto e il costo di non selezionare un’alternativa.

Comunicazione (Communication)

La comunicazione lavorerà per creare una relazione significativa con il cliente, con particolare attenzione a ciò di cui hanno bisogno e al loro stile di vita. Qui la comunicazione è orientata al consumatore, che non vuol dire pubblicità o merchandising, ma il termine intende una concezione semanticamente più ampia volta alla costruzione di un brand, di un nome e di un legame duraturo con il cliente.

Convenienza (Convenience)

Infine, il prodotto dovrebbe essere prontamente disponibile per i consumatori. Gli esperti di marketing dovrebbero posizionare strategicamente i prodotti in diversi punti di distribuzione visibili.

La proliferazione di mercati online, carte di credito, cataloghi e telefoni cellulari ha reso la fornitura di prodotti per il cliente un gioco completamente nuovo. Un cliente non deve andare effettivamente in un luogo fisico per soddisfare un’esigenza, esiste una varietà infinita di posti online per farlo. Ciò significa che un operatore di marketing deve essere consapevole di come il cliente preferisci acquistare il prodotto.

No Comments

Post A Comment