5 Must Have per un Customer Care efficace - Gli aspetti strategici - Xtribe blog
Hai un negozio o un’attività professionale? Scopri le soluzioni dedicate ai commercianti e ai professionisti di settore aprendo il tuo profilo Xtribe Store.
xtribe, geomarketplace, ratail marketing, vendere, comprare, barattare, noleggiare
16324
post-template-default,single,single-post,postid-16324,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 

5 Must Have per un Customer Care efficace – Gli aspetti strategici

Nel precedente articolo abbiamo approfondito le caratteristiche più tecniche e concrete che un Customer Care deve possedere per funzionare al meglio. Di seguito invece, analizziamo gli aspetti relazionali, comunicativi e psicologici che contraddistinguono un Servizio Clienti davvero efficace. 

1. Personalizzazione

Secondo uno studio di Accenture, il 66% dei consumatori sarebbe incline a cambiare brand se si sentisse trattato come un numero e non come una persona.

Personalizzare, umanizzare il Servizio Clienti è di fondamentale importanza: chiamiamo per nome i clienti, instauriamo un tono amichevole, facciamogli sentire che le loro esigenze sono importanti come lo è la loro opinione e soddisfazione. 

Tips per la tua attività

Vero è che con l’uso degli smartphone 24/7 diventa difficile rispondere real time a tutti. Talvolta, quindi, si rende necessario automatizzare, almeno in parte.

Quando e come farlo? Possiamo predisporre dei messaggi automatici che verranno inviati negli orari in cui il Servizio Clienti non è attivo e che avviseranno l’utente su quando tornerà disponibile. 

Oppure, nei periodi di assenza del Servizio Clienti, è possibile pensare ad un chat boh che risponda alle problematiche più frequenti riportando alle FAQ presenti sul sito. 

2. Linguaggio assertivo

Usiamo un linguaggio positivo, che non miri al problema a cui si trova di fronte il cliente, ma ad una soluzione immediata, senza frasi quali “le faremo sapere” o “la terremo aggiornata”, ma con tempistiche ben definite. Non perdiamo mai di vista l’obiettivo: il nostro scopo non è dimostrare al cliente che abbiamo ragione bensì trovare una soluzione al problema.

Quindi anche se l’errore non è nostro e il cliente ha toni accusatori o poco gentili, manteniamo il focus sempre e solo sulla serena e cordiale risoluzione della problematica. 

3. Chiarezza della comunicazione

Il modo in cui comunichiamo con il cliente dev’essere chiaro e trasparente. L’onestà e l’empatia sono le migliori doti di chi si occupa del Servizio Clienti: niente paroloni tecnici e specifici che una persona comune non può capire, ma parole semplici e un linguaggio naturale e colloquiale.

L’obiettivo è farci capire, non dimostrare quanto siamo bravi o lessicalmente ricchi!

4. Approccio proattivo

La carta vincente per un Customer Care davvero efficace è un approccio proattivo, che offra una soluzione prima ancora che si verifichi il problema, che anticipi e prevenga il suo insorgere. 

Una ricerca di Salesforce ha dimostrato che il 59% dei clienti si aspetta che presto le aziende anticiperanno le loro esigenze e offriranno consigli pertinenti in modo predittivo.

Tips per la tua attività

Hai lanciato un nuovo prodotto ma il materiale tarda ad arrivare e sei in ritardo con le spedizioni? Annuncia sul sito o in una risposta automatica via mail la data in cui i prodotti verranno spediti, rassicura gli utenti sul fatto che riceveranno a breve il prodotto che hanno acquistato e ringraziali per la comprensione e la pazienza. 

Eviterai così centinaia di mail di clienti preoccupati di sapere che fine ha fatto il loro pacco che attendevano giorni prima! 

5. Problem Solving e Gestione dei Conflitti

Il Customer Care ha la potenzialità di ribaltare critiche e feedback negativi dei clienti in punti a favore del brand. Come? Gestendoli nel modo giusto!

Talvolta è necessario ammettere l’errore, proponendo però subito una soluzione. Talvolta è il caso di scusarsi, altre volte basterà rispondere gentilmente mantenendo un tono professionale e cordiale, anche se quello del cliente risulta irrispettoso e arrogante!

Di nuovo: ricordiamoci che non possiamo piacere a tutti e che chiunque può commettere un errore, il punto è rimanere focalizzati sul proprio obiettivo che è quello di fornire soluzioni, non avere ragione o zittire un cliente maleducato con i suoi stessi toni!

Obiettivo finale: la fiducia

Ebbene sì: l’obiettivo ultimo, quello a cui tutti devono mirare, è l’instaurazione di un rapporto di fiducia con il cliente. Solo così questo tornerà a rivolgersi al nostro brand rendendo possibile la fidelizzazione.

Inizialmente, infatti, il cliente sarà attirato dal nostro prodotto o servizio e probabilmente la seconda volta tornerà da noi perché si sarà trovato bene con quanto acquistato ma ciò che lo spingerà a tornare con frequenza costante è la certezza di vivere un’esperienza d’acquisto e post acquisto piacevole e soddisfacente. 

Riuscire a offrire ai clienti ciò che stanno cercando, nel modo giusto e al momento giusto, porterà il cliente a fidarsi di noi e il rapporto evolverà in una preziosa fidelizzazione.

 

Fonti

https://www.salesforce.com/it/blog/2020/04/principi-buon-servizio-clienti.html

https://www.ninjacademy.it/customer-care-cosa-fare-cosa-evitare/ 

https://www.netstrategy.it/ecommerce/servizio-clienti-ecommerce-come-renderlo-il-punto-di-forza-del-tuo-negozio

No Comments

Post A Comment